Home > Fotocamere > Bridge > Macchina fotografica compatta, bridge, mirrorless e professionale. Quale scegliere?
fotocamere

Macchina fotografica compatta, bridge, mirrorless e professionale. Quale scegliere?

fotocamere.jpg

Oggigiorno, chi vuole comprarsi una fotocamera e non ha molta esperienza sul campo perché non è aggiornato sulle varie novità, si trova ad imbattere in una vera e priopria giungla.

La tecnologia non finirà mai di stupirci e seguire la velocità del suo passo è pressoché impossibile, anche nelle fotocamere.

Attualmente esistono 4 (o anche 3 se consideriamo le bridge come compatte) tipologie più comuni di fotocamere:

  • macchina fotografica compatta
  • macchina fotografica bridge
  • macchina fotografica mirrorless
  • macchina fotografica professionale

Iniziamo quindi a parlare di ogni singola tipologia.

Macchina fotografica Compatta

olympus_compact_zuiko.jpgLo dice già il nome stesso. Una fotocamera compatta si definisce tale se le priorità principali si basano sulla portabilità. Quindi se non volete portarvi con voi una macchina ingombrante e pesante, questa sicuramente fa per voi.

Queste fotocamere sono inoltre molto facili da usare e ideali per cominciare ad approciarsi nel mondo della fotografia senza dover spendere tanti soldi.
I comandi vengono ridotti al minimo per semplificare tutte le azioni diminuendo nello stesso tempo anche la possibilità di un controllo manuale per coloro che si sentono un pò più avanzati.

In generale, gli aspetti negativi delle compatte sono che il sensore è relativamente molto piccolo (circa 1/2.3″) confrontandolo con il Micro Quattro Terzi, APS-C e Full Frame. Quindi vuol dire che ad alti valori di ISO la compatta non sarà eccezionale e inoltre, un numero elevato di megapixel non farà altro che peggiorare la qualità delle foto

  • leggero
  • tascabile (dimensioni contenute)
  • costo non molto elevato
[badlist]
  • funzionalità limitate
  • lento
  • dimensioni ridotte del sensore
  • foto molto sgranate a valori elevati di ISO
[/badlist]

Macchina fotografica Bridge

nikon-coolpix-p90.jpg

Bridge in inglese significa “ponte”, ed è è il termine associato a quelle fotocamere che non sono né una reflex e né una compatta, una via di mezzo.
Fino a qualche anno fa erano decisamente l’alternativa ideale tra la macchina fotografica compatta e la reflex, ma con l’avvento delle mirrorless (vedi più avanti), le bridge hanno perso la loro posizione.
Tuttavia, per alcuni possessori di reflex, la bridge risulta ancora un’ottima alternativa alla professionale (soprattutto dal punto di vista monetario).

Le loro forme ricordano molto quelle di una reflex ma non implementano il sistema a specchi.
Il loro meccanismo di funzionamento è pressoché identico a quello delle compatte ma la differenza è che usano obiettivi molto più grandi e con zoom ottici più potenti.

Solitamente hanno una resa fotografica migliore delle compatte per la dimensione del sensore che è leggermente più grande (circa 1/1.7″).

In fase di ripresa offrono qualche funzionalità avanzata, come la possibilità di scattare in priorità dei tempi e di apertura oppure ancora scattare completamente in manuale.

  • più manualità delle compatte
  • qualità delle foto leggermente migliori delle compatte
[badlist]
  • non è tascabile
  • sensore piccolo anche se poco più grande
[/badlist]

Macchina fotografica Mirrorless

Nex-7.jpgLe fotocamere mirrorless sono le fotocamere del momento e sono particolari perché danno la possibilità di utilizzare le ottiche intercambiabili come nelle reflex senza l’ausilio di una implementazione dello specchio riflettente.
Attualmente sono l’alternativa migliore alla macchina professionale perché leggere e le dimensioni sono relativamente più piccole.

Il vantaggio dell’assenza dello specchio riflettente all’interno della fotocamera si traduce in un guadagno di spessore della macchina fotografica. Ovviamente, con questa meccanica, non può essere presente un mirino oculare. Se il mirino dovesse essere presente, sarà di tipo digitale (EVF).

Le dimensioni dei sensori, per la maggior parte delle macchine mirrorless, sono più grandi delle bridge e alcune addirittura equivalgono alle dimensioni di una reflex economica, ossia alla pari di una APS-C.

Più il sensore è grande più anche gli obiettivi diventano ingombranti. La compromessa migliore in dimensioni, per ora è quella dei sensori Micro Quattro Terzi.

Bisogna anche sottolineare che una macchina troppo piccola risulta anche difficile da maneggiare, specialmente se il consumatore ha delle mani abbastanza grosse.

  • leggera
  • compatta
  • versatile
  • attualmente è l’alternativa migliore della reflex
[badlist]
  • problemi di ergonomia se troppo piccola
  • costo ancora un pò elevato
[/badlist]

Macchina fotografica Professionale

e87df_2131.jpgRientrano in questa categoria tutte le macchine fotografiche che mantengono il tradizionale funzionamento delle vecchie reflex analogiche, ossia del movimento dello specchio.

Le professionali economiche offrono buone specifiche e sono rivolte soprattutto a chi vuole cominciare a imparare a scattare con controlli manuali, anche se comunque sono presenti modalità assistite. Di solito il corpo è di plastica e il sensore è un’APS-C.

Le professionali avanzate invece, hanno prestazioni decisamente migliori, come per esempio nell’elaborazione del numero di scatti nella modalità a raffica. Anche il corpo è costruito meglio, con materiali di qualità e il sensore che usano è l’APS-H oppure più grande ancora, il Full Frame.

La possibilità di intercambiare gli obiettivi consente di avere una personalizzazione creativa nello stile delle fotografie in base alle proprie esigenze e scene: si può allora distinguere una foto ritrattistica da una paesaggistica per esempio.

Gli aspetti negativi sono senza ombra di dubbio le dimensioni. Chi usa queste fotocamere deve essere consapevole della loro delicatezza e del loro ingombro.
Inoltre anche i prezzi sono abbastanza elevati, per non dimenticare delle ottiche, che sono il vero business.

  • veloce
  • versatile
  • buone prestazioni anche in caso di scarsa luminosità senza usare il flash
[badlist]
  • ingombranti
  • costo elevato, sia corpo macchina che obiettivi
[/badlist]

Conclusioni

Dimensione-sensori1.jpg

Le dimensioni dei sensori (clicca per ingrandire)

In questo articolo si è più volte parlato della dimensione del sensore e come sia il fattore dominante nella qualità delle foto. Per farvi un’idea della differenza tra le varie grandezze potete ingrandire la foto qui a fianco.

Indipendetemente dalle tipologie delle macchine fotografiche, il consumatore solitamente tende a preferire macchine fotografiche con megapixel più alto e con lo zoom più potente.
Niente di più sbagliato… o in parte.

È vero che tanti megapixel consentono di avere una foto molto più nitida e con più flessibilità nei ritagli (crop), ma nel caso di fotocamere compatte, bisogna stare attenti perché il produttore a volte offre alla fotocamera un elevato numero di megapixel che in realtà non fanno altro che rovinare le immagini.
Il sensore delle compatte, come è stato detto, è il più piccolo tra tutte le altre tipologie. È un pò come se cercaste di rinchiudere sempre più tante persone all’interno di una stessa e piccola stanza.
Inoltre, avere un sensore grande significa anche meno rumore in presenza di alti valori di ISO.

Invece per quanto riguarda lo zoom, non guardate lo zoom digitale. Quello più importante è l’ottico. Il digitale si tratta solo di un ritaglio che potete fare benissimo anche con il vostro computer.
Ricordate però che se scattate con zoom ottico molto elevato, avrete meno stabilità e ogni vostro minimo spostamento potrebbe essere registrato come foto mossa ad esposizioni lunghe.
Un modo per limitare questo problema è l’uso dello stabilizzatore (se presente) oppure si può optare nella scelta di un treppiede.

Date uno sguardo alle foto degli altri sul web

Un consiglio che posso darvi nell’acquisto di una fotocamera è quello di dare uno sguardo alle foto scattate dalla macchina a cui siete interessati.
Un modo è quello di andare su Flickr e di iniziare a cercare il nome della macchina fotografica, se siete fortunati troverete anche il relativo gruppo, dedicato solamente alla fotocamera cercata.

Un altra alternativa è dpreview, che contiente un vasto database di macchine con tanto di recensione che però sono in inglese, mentre se volete avere un rapido confronto tra due fotocamere, niente di meglio che usare Snapsort.

Hey! Dai un'occhiata anche a...

Anh Vu Pham

Sono sempre affascinato da ciò che è bello, nuovo e tecnologico. Fotografo per passione, mi cimento nel Web Designer e sono laureato in Ingegneria dell'Informazione a Brescia. Nel tempo libero amo anche documentarmi e informarmi sulle novità che riguardano la SEO e tutte le strategie per migliorare il posizionamento dei siti web.
Scroll To Top