Home > Fotocamere > Mirrorless > Arriva la nuova mirrorless Panasonic G5
panasonic-dmc-g5-02-terapixel

Arriva la nuova mirrorless Panasonic G5

panasonic-dmc-g5-terapixel.jpg

Oggi Panasonic ha annunciato la nuova Lumix DMC-G5, la nuova mirrorless con sensore Micro Quattro Terzi che si aggiunge alla linea Lumix G.

La fotocamera è dotata di un sensore Live MOS da 16,05 megapixel che si appoggia al nuovissimo motore di elaborazione Venus Engine VII, per rendere le immagini chiare e nitide sia nella modalità foto che video.

panasonic-dmc-g5-vs-g3-terapixel.jpg

Panasonic G5 (a sinistra) e Panasonic G3

panasonic-dmc-g5-vs-g3-02-terapixel.jpg

Vista sul retro della Panasonic G5 (a sinistra) e della G3

Il corpo macchina è leggermente diverso dalla Lumix DMC-G3, ma è ugualmente abbastanza compatto, leggero e non manca il flash incorporato.
Il materiale è costituito in gran parte da alluminio, mentre la G3 è fatta prevalentemente in plastica.
È stata anche ridisegnata la forma dell’impugnatura che ora è in gomma per rendere più ergonomico il grip, soprattutto anche per il pulsante di scatto che ora si trova molto sporgente e quindi analogo a quello di una bridge.

L’introduzione del blocco AF/AE renderà sicuramente felici molti fotografi interessati a questa fotocamera perché nella G3, questo utile pulsante non è presente.

panasonic-dmc-g5-04-terapixel.jpg

Per quanto riguarda il sistema di autofocus, la Panasonic G5 utilizza il tradizionale AF a contrasto che vanta di una maggior precisione e prestazione rispetto al rilevamento di fase, specialmente quando si utilizzano obiettivi molto luminosi anche ad aperture leggermente piccole.

panasonic-dmc-g5-03-terapixel.jpg

La risoluzione del mirino elettronico è di 1.440.000 punti e garantisce la piena copertura di visibilità.
Inoltre, è stato implementato l’Eye Sensor AF, in grado di attivarsi automaticamente quando il fotografo guarda all’interno del mirino elettronico. Dovrebbe essere così intelligente da mettere a fuoco automaticamente ciò che guardiamo.
Lo schermo LCD, invece, ha una risoluzione di 920.000 punti distribuiti sui 3″ di diagonale, è orientabile ed è anche touchscreen.

panasonic-dmc-g5-02-terapixel.jpg

Rispetto alla G3, alla nuova G5 è stato esteso il range di valori ISO fino ad un massimo di 12.800, contro i 6.400 della G3. Con un fps (frame per secondo) pari a 6 nello scatto continuo in pieno formato, la DMC-G5 risulta essere più veloce (la G3 ha una raffica di 4 fps), grazie anche al nuovo sistema Light Speed AF.

Vista la crescente diffusione del sistema di sovrapposizione di scatti consecutivi a differenti livelli di esposizione, Panasonic ha incorporato la nuova modalità HDR per eliminare la sottoesposizione e la sovraesposizione nelle singole immagini.

Trattandosi di una fotocamera di ultima generazione, non poteva mancare all’appello la ripresa video in Full HD in formato AVCHD a 1080/60p (1920 x 1080).

Per quanto riguarda l’aspetto creativo, la Lumix G5 incorpora circa 14 filtri per le immagini, nove in più rispetto alla precendente G3.

I fotografi meno esperti da oggi potranno appoggiarsi al nuovo sistema Guide Scene che offre ben 23 immagini campione scattate dai professionisti. Gli utenti possono quindi scegliere quale sia la più prossima alle condizioni attuali e a tutto il resto ci penserà la fotocamera.

Video

Questo è il video di lancio della Panasonic G5:

Molto interessante anche il nuovo menù, più attraente e apparentemente meno dispersivo della versione sulla G3:

Qui invece, c’è il test della qualità dei video:

Caratteristiche

  • sensore Live MOS Micro Quattro Terzi da 16,1 megapixel di risoluzione
  • processore d’immagine Venus Engine FHD VII
  • ISO da 160 a 12.800
  • AF a contrasto
  • 23 punti di messa a fuoco
  • display TFT LCD da 3″ a 920.000 punti  di risoluzione
  • mirino elettronico con 100% di copertura a 1.440.000 punti di risoluzione
  • video in Full HD 1080/60p
  • memorie supportate: SD / SDHC / SDXC

Hey! Dai un'occhiata anche a...

Anh Vu Pham

Sono sempre affascinato da ciò che è bello, nuovo e tecnologico. Fotografo per passione, mi cimento nel Web Designer e sono laureato in Ingegneria dell'Informazione a Brescia. Nel tempo libero amo anche documentarmi e informarmi sulle novità che riguardano la SEO e tutte le strategie per migliorare il posizionamento dei siti web.
Scroll To Top